I. Khan – Every…Bernd And Hilla Becher Spherical Type Gasholders – 2004

Titolo: Every…Bernd And Hilla Becher Spherical Type Gasholders
Autore: Idris Khan (1978-)
Data: 2004
Categoria: Elaborazione
Dimensioni: 5/4
Collocazione/Proprietà: Idris Khan
Riferimenti
https://www.saatchigallery.com
https://theonlinephotographer.typepad.com

Sospetto che l’opera fotografica di Bernd and Hilla Becher sia conosciuta ed ammirata più di quanto non sia semplicemente amata. Magari qualche buona ragione c’è: la tassonomica bulimia, il teutonico rigore seriale con cui i due coniugi fotografi raccontarono l’archeologia del (loro) futuro prossimo sono elementi ideali per suscitare deferenza, ma sembrano anche perfetti antidoti al trasporto empatico. La geniale elaborazione di Idris Khan – una “stampa per collezionisti dei Becher con pareti piccole”, la definisce un commento sul sito The Online Photographer – apre uno spiraglio sulla strada che conduce al fascino riposto delle ipnotiche Tipologie becheriane; dalla sovrapposizione dei gasometri sferici (ne esiste anche una dedicata a quelli cilindrici) emerge una sorta di vibrazione che confonde il bianco e nero calligrafico degli originali e mette sotto lo sguardo dell’osservatore ciò che egli dovrebbe riuscire ad evocare nella osservazione diacronica dei singoli esemplari: l’oscillazione minima, ineliminabile, quella che affinando lo sguardo possiamo scorgere nelle cose identiche ad una prima occhiata; tremolii che hanno a che fare – magari ad un puro livello simbolico – con la forza del mondo. Ritornano alle orecchie i pitagorici Canoni bachiani sulle Prime Otto Note del Basso dell’Aria delle Variazioni Goldberg, o le implacabili composizioni del minimalismo musicale degli esordi, quello Terry Reily e del primo Steve Reich. Musica in cui il processo, la causa, si svela immediatamente per lasciare la coscienza si smarrisca al cospetto diretto gli effetti; qui, nel mondo delle Tipologie, la replica seriale delle foto – il processo – dispone i soggetti sullo sfondo e lascia emergere le minime, vibratili, differenze come frutto di una ipervisione che dischiude alla mente vertiginose sensazioni e, magari, un lieve, lisergico senso di ebbrezza.

Le fotografie di questa pagina, nel rispetto del diritto d’autore, vengono riprodotte per finalità di critica e discussione ai sensi degli artt. 65 comma 2, 70 comma 1 bis e 101 comma 1 Legge 633/1941